Mose, Baita: “Brunetta ricevette 50mila euro”. L’ex ministro: “Querelo”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 Giugno 2014 0:25 | Ultimo aggiornamento: 11 Giugno 2014 0:25
Mose, Baita: "Brunetta ricevette 50mila euro". L'ex ministro: "Querelo"

Piergiorgio Baita

VENEZIA, 10 GIU – A Renato Brunetta per le comunali 2010 a Venezia sarebbero stati dati 50mila euro dalla Mantovani. A parlare è Piergiorgio Baita, ex presidente della Mantovani, primo socio del Consorzio Venezia Nuova.  “Il Consorzio – spiega Baita in un interrogatorio – sosteneva Orsoni. Brunetta era molto risentito. Credo abbiamo accontentato anche lui, in misura minore. L’abbiamo fatto come Adria Infrastrutture,saranno stati 50mila euro, una cosa così..” e “non in contanti”.

“E non si è fatta attendere la replica dell’ex ministro che minaccia querele. “In relazione alle notizie gravemente diffamatorie, perché del tutto prive di fondamento, apparse quest’oggi su alcuni quotidiani nazionali e locali, riguardanti un mio inesistente coinvolgimento nella vicenda del Mose, si precisa che risulta, dagli atti di indagine e dai verbali degli interrogatori dello stesso dott. Baita, che a sostegno della mia campagna elettorale per le comunali veneziane del 2010 è stato deliberato un contributo elettorale, e per di più non dal Consorzio Venezia Nuova, regolarmente contabilizzato e dichiarato secondo la legge, e nient’altro”.

E’ Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia, a rilevarlo annunciando di aver

“dato ampio mandato ai miei legali di esperire ogni dovuta azione nelle sedi opportune a tutela della mia persona”.