Cronaca Italia

Mozzarelle blu, 4 indagati per vendita di alimenti non genuini a Torino

Mozzarelle blu, 4 indagati per vendita di alimenti non genuini a Torino

Mozzarelle blu, 4 indagati per vendita di alimenti non genuini a Torino (Foto Ansa)

TORINO – Quattro persone sono indagate dalla Procura di Torino per le mozzarelle blu. Gli indagati, due italiani e due tedeschi, sono accusati dei reati di vendita di alimenti non genuini e commercio di alimenti in cattivo stato di conservazione. Il colore blu, è stato accertato, è causato dalla presenza di batteri nelle acque di pozzo usate nella lavorazione. Decine i casi segnalati dal 2010 in tutta Italia.

Oltre alle quattro persone, alti dirigenti della Jaeger, che ha sede in Alta Baviera, della Granarolo, e della LatBri, sono state chiamate in giudizio le società in qualità di responsabili amministrativi.

Tra i batteri trovati analizzando le decine di mozzarelle sequestrate in Italia ci sono lo pseudomonas, l’enterobacter cloacae e l’escherichia coli. Secondo l’ipotesi di accusa, le acque di pozzo sarebbero state usate nella lavorazione in luogo delle acque potabili allo scopo di risparmiare.

I casi denunciati, intanto, non si sono fermati, anche se sono diventati più occasionali. Proprio il 7 febbraio ne è arrivato in procura uno riguardante una burrata venduta in un supermercato di Torino, che ha assunto una colorazione blu.

To Top