MyAir/ La compagnia non paga tasse e diritti, gli scali di Bergamo e Venezia bloccano a terra i suoi aerei

Pubblicato il 21 Luglio 2009 19:32 | Ultimo aggiornamento: 21 Luglio 2009 19:32

Quaranta bambini e cinque donne incinte hanno dovuto passare la notte sulle sedie delle sale d’attesa. Oltre ai malati che avrebbero dovuto conservare le medicine in frigo e alle madri di neonati, da accudire nell’assenza di mezzi. Continua il calvario delle 172 persone bloccate a Venezia a causa della mancata partenza per Casablanca del volo MyAir, compagnia che ora rischia anche la licenza di decollo dallo scalo lagunare.

A rendere più complessa la situazione anche la notizia, riferita nei giorni scorsi dal Giornale di Vicenza, secondo cui MyAir avrebbe pagato con assegni scoperti la finanziaria che aveva garantito con una fidejussione il suo debito nei confronti del fisco. Nessun commento sinora da parte di ENAC, che alcune settimane fa aveva lanciato un primo segnale di attenzione rendendo provvisoria la licenza di operatore aereo di Myair fino al 31 ottobre. La settimana scorsa l’ente aveva convocato i dirigenti della compagnia ottenendone rassicurazioni sulla regolarità dei voli.

Intanto un altro volo MyAir è stato definitivamente cancellato. Si tratta del volo per Palermo che doveva partire alle 11,40 con 69 persone persone a bordo, per la maggior parte italiani. Anche questi passeggeri, come i marocchini, stanno stazionando in un’area interna dello scalo aeroportuale veneziano.  Identica difficoltà per una partenza della stessa compagnia a Bergamo, dove L’aeroporto di Orio al Serio ha provveduto questa mattina alla sospensione di tutti i voli della compagnia aerea Myair.

In una nota la Sacbo, società che gestisce lo scalo bergamasco, ha comunicato che il provvedimento è stato deciso dall’Enac proprio su segnalazione dell’aeroporto, poiché sono stati violati gli obblighi di pagamento di tasse, diritti e tariffe. La sospensione, prevista dall’articolo 802 del codice della navigazione, ha effetto immediato e la compagnia aerea ha già provveduto a cancellare i voli per Palermo delle 12.55 e per Reggio Calabria delle 16.55. I passeggeri saranno eventualmente indirizzati in altri scali o ad altre compagnie. La decisione arriva tra l’altro dopo una serie di ritardi e cancellazioni che nei giorni scorsi avevano creato disagi a centinaia di passeggeri.

MyAir rischia la sospensione della licenza da parte di Enac se non risolverà entro breve il problema dei 172 passeggeri in attesa da ieri di partire da Venezia per Casablanca. «Stamane avevamo voluto dare ancora un credito di 24 ore alla compagnia – spiega il responsabile Enac a Venezia, Valerio Bonato – ma se non risolveranno questa situazione rischiano la sospensione della licenza».

Secondo Bonato i 172 passeggeri marocchini sono ancora in attesa al Marco Polo perché nessun’altra compagnia aerea al momento «ha potuto, o ha voluto riproteggerli». «È la prima volta in 35 anni di carriera che mi capita una cosa simile» ha aggiunto. Per Enac la soluzione torna ad essere quella originaria: deve essere cioè MyAir a farsi carico del viaggio per Casablanca.

Intanto MyAir in un comunicato afferma «che i problemi operativi che si sono verificati oggi dipendono da alcune difficoltà finanziarie che la compagnia sta superando. Il sistema del trasporto aereo, come altri settori industriali sta subendo gli effetti della crisi economica mondiale, crisi che ha generato difficoltà di tipo finanziario, anche se in misura minore rispetto ad altre compagnie aeree. MyAir.com conferma che si sta definendo il processo di ricapitalizzazione, ma vi sono tempi tecnici da rispettare. Il CdA di MyAir.com sta valutando le proposte avanzate da alcuni investitori».