Napoli, niente bar e niente alcolici oltre le 22: De Luca batte De Magistris

di Alberto Francavilla
Pubblicato il 1 Giugno 2020 13:48 | Ultimo aggiornamento: 1 Giugno 2020 13:48
Movida Napoli, niente bar e niente alcolici oltre le 22: De Luca batte De Magistris

Napoli, niente bar e niente alcolici oltre le 22: De Luca batte De Magistris (Foto Ansa)

ROMA – Niente bar aperti di notte a Napoli, nemmeno nel weekend: De Luca batte De Magistris in tribunale.

La Regione Campania aveva infatti impugnato un’ordinanza del Comune di Napoli, che estendeva l’orario di apertura dei locali e la somministrazione di bevande fino alle 3.30 nel week end.

Invece una ordinanza della Regione limita l’attività dei bar e la vendita di alcolici alle 22.

Il presidente del Tribunale amministrativo della Campania, Salvatore Veneziano, ha firmato un decreto che di fatto boccia l’ordinanza sulla movida del sindaco De Magistris.

Accolto il ricorso avanzato dalla Regione Campania, rappresentata dagli avvocati Almerina Bove, Michele Cioffi, Massimo Consoli e Tiziana Monti. Il Comune di Napoli non si è costituto in giudizio.

Il Tar ritiene che “sussiste il caso di eccezionale gravità e urgenza, tale da non consentire neppure la notificazione del ricorso e la domanda di misure cautelari provvisorie con decreto presidenziale”.

La motivazione dell’accoglimento del ricorso è duplice: “Un rischio dell’aggravamento del rischio sanitario anche in ambito ultracomunale dato il prevedibile afflusso dai comuni limitrofi, se non da tutta la provincia, sul territorio del comune Napoli in ragione dei più ampi orari previsti dall’ordinanza sindacale e delle eventuali attività ludiche dalla stessa consentite – si legge nella sentenza – e per la situazione di incertezza derivante dalla concorrenza di due discipline differenziate e contrastanti tali da ingenerare oggettivi dubbi sulla liceità dei comportamenti da tenere”. (Fonte Agi)