Napoli, clan a Soccavo. La polizia arresta Antonio Viglia detto “O’Stuorte”

Pubblicato il 27 Marzo 2012 20:20 | Ultimo aggiornamento: 27 Marzo 2012 20:21

NAPOLI – Avevano creato una 'struttura' ramificata nel quartiere di Soccavo: arrestato dagli agenti della Squadra Mobile di Napoli, Antonio Viglia, detto '' O' Stuorte'', 43enne napoletano, per il reato di associazione per delinquere di stampo camorristico.

L'arresto e' avvenuto sulla base di un provvedimento restrittivo emesso dal Tribunale di Napoli, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia. La misura cautelare e' scaturita da una lunga ed articolata indagine condotta dai poliziotti della Squadra Mobile ed avviata nel 2005. L'attivita' investigativa ha portato all'individuazione di un'organizzazione criminale i cui capi, tutti napoletani, hanno creato un'efficiente struttura associativa ben ramificata su tutto il Quartiere di Soccavo.

Il sodalizio, oltre all'arrestato, annovera il fratello Alfredo, alias 'O' Nire', tuttora latitante. Antonio Viglia, che al momento annovera numerosi precedenti di polizia per associazione a delinquere finalizzata all'attivita' estorsiva, e' stato sorpreso in un'abitazione di Soccavo presso una famiglia i cui membri sono stati denunciati per favoreggiamento.