Napoli, tutti in fila per “‘o concorsone”: in 112mila per 534 posti

Pubblicato il 17 maggio 2010 16:00 | Ultimo aggiornamento: 17 maggio 2010 16:04

Le possibilità che possano passare quel concorso è pari a quella di chi gioca 6 numeri sperando di sbancare il Superenalotto. Ma la fame di lavoro a Napoli è tale che per il maxiconcorso al Comune, 534 posti in varie fasce, hanno presentato la domanda in 112mila.  Considerando che l’area metropolitana del capoluogo campano conta circa un milione di persone, è come se un decimo della città concorresse per un posto. Avendo a disposizione una possibilità su 210.

Gli aspiranti vengono da tutt’Italia, è vero, ma il numero fa pensare comunque. A una carenza di lavoro cronica, prima di tutto, che coinvolge non solo Napoli e la Campania ma tutto il Mezzogiorno più di altre zone del Paese. E la crisi c’entra sono in parte. A un’intera generazione che ancora sogna un posto fisso come un miraggio, come vincere la lotteria. Sono talmente tanti, i candidati, che la preselezione durerà ogni giorno da oggi lunedì 17 maggio, fino al 4 giugno, con un ritmo di 10mila test al giorno per altrettanti concorrenti.

Oggi si è regitrata la prima ressa, con migliaia di persone affollate alla Mostra d’Oltremare, sede della prova. Un ragazzo è stato soccorso per un malore: a 24 anni ha dovuto affrontare prima un lungo viaggio in mare da Palermo, poi l’attesa di 4 ore fuori dai cancelli, la mattina presto, prima che la prova cominciasse, intorno alle 11.

I concorrenti, almeno , sono stati risparmiati dalla pioggia, ma non dai parcheggiatori, che hanno subito fiutato l’affare. Lasciare la macchina in zona oggi è costato anche 10 euro.