Napoli, dodicenne ferito da colpi di pistola sul balcone. Arrestato un trentenne, Luigi Gitano

di redazione Blitz
Pubblicato il 1 gennaio 2018 16:17 | Ultimo aggiornamento: 1 gennaio 2018 16:17
Napoli-luigi-gitano

Napoli, dodicenne ferito da colpi di pistola sul balcone. Arrestato un trentenne, Luigi Gitano

NAPOLI – Un ragazzino di 12 anni è rimasto ferito alla gamba da colpi di arma da fuoco sparati in aria poco prima della mezzanotte del 31 dicembre a San Giovanni Barra, alla periferia di Napoli. Secondo quanto al momento ricostruito dalla polizia, sarebbe stato un gruppo di ragazzini, a bordo di moto, a sparare. Luigi Gitano, 30 anni, è stato arrestato con l’accusa di detenzione di munizioni.

Il dodicenne, che è stato ferito mentre si trovava sul balcone di casa, è stato prima portato all’ospedale Loreto Mare e poi al Santobono; le sue condizioni non sono gravi.

Secondo le prime informazioni sarebbe stato vittima probabilmente di una ‘stesa’, ossia di un raid a scopo intimidatorio nel quale vengono esplosi all’impazzata colpi di pistola. E’ la pista più accreditata delle indagini della Polizia di Stato, che in zona ha trovato ben 25 bossoli, molti dei quali avevano raggiunto una vettura parcheggiata nei pressi dell’abitazione del bambino, nel quartiere San Giovanni a Teduccio alla periferia orientale di Napoli.

Il piccolo è stato ferito in modo non grave a entrambe le gambe. Il padre ha riferito agli investigatori di aver notato, poco prima del ferimento del ragazzino, due scooter con a bordo due persone che stavano esplodendo numerosi colpi di arma da fuoco.

Gitano è stato trovato dagli investigatori sotto la doccia, alle 23:55, circa un’ora dopo la sparatoria che ha causato il ferimento del 12enne: elemento che ha insospettito ulteriormente gli agenti. Saranno gli esami balistici a stabilire eventuali corrispondenze tra i colpi esplosi in strada e le munizioni trovate in possesso di Gitano.