Napoli, guardia medica alla paziente: “Chiami tra mezz’ora, c’è il cambio turno”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 aprile 2018 9:41 | Ultimo aggiornamento: 23 aprile 2018 9:41
Guardia Medica a Napoli rifiuta aiuto a paziente per cambio turno

Napoli, guardia medica alla paziente: “Chiami tra mezz’ora, c’è il cambio turno”

NAPOLI – “Chiami tra mezz’ora, ora c’è il cambio turno”. Questa la risposta che la guardia medica di Napoli ha dato a Brunella, una donna che aveva chiesto aiuto per la madre malata. Una risposta che la donna non si aspettava e che dal suo racconto ha lasciato allibiti anche gli operatori del 118 che sono giunti in suo soccorso.

La donna, 27 anni,racconta la sua disavventura a Gennaro Morra del Mattino e spiega che tutto è iniziato quando il padre l’ha svegliata perché la mamma stava poco bene. La madre di Brunella ha 64 anni e soffre di diverse patologie quali  la sindrome di Manière, psoriasi, artrite psoriasica, scompensi cardiaci, che anni fa le hanno provocato anche un infarto.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

Vedendo che la madre stava male, la giovane ha chiamato la guardia medica:

“«Mamma si è sentita male verso le 6.15 – racconta Brunella –. Avvertiva forti vertigini, dovute alla sindrome di Manière, e probabilmente aveva la pressione alta perché stava collassando». Il tempo di capire le condizioni della donna e il suo reale bisogno d’aiuto, poi la ragazza s’attacca al telefono: «Alle 6.40 ho provato a chiamare la guardia medica, ma nessuno ha risposto. Allora ho chiamato il 118 e l’operatore mi ha chiesto di misurare la pressione a mamma, ma gli ho spiegato più volte che non avevo l’apparecchio per compiere quell’operazione. A quel punto mi assicura che arriverà un’ambulanza entro pochi minuti».

Passa un quarto d’ora, ma i soccorsi non arrivano. Così Brunella, anche sollecitata dal padre in ansia per la moglie, prova a richiamare alla guardia medica: «Questa volta mi risponde un ragazzo, che, quando gli spiego cos’ha mamma, mi consiglia di darle un bicchiere d’acqua e zucchero. Faccio presente che mia madre probabilmente ha un picco di pressione alta e che acqua e zucchero potrebbe peggiorare la situazione, ma lui insiste che quello è il modo migliore per farla riprendere. Poi, spazientito, mi chiede di richiamare dopo mezz’ora, tre quarti d’ora, perché stavano per fare un cambio turno e non poteva mandare nessuno a casa».

Finalmente, dopo dieci minuti arriva l’unità del 118: «Salgono su gli operatori, visitano mamma e l’attaccano a un lavaggio, che non so cosa contenesse, ma non credo proprio si trattasse di acqua e zucchero – racconta ancora Brunella –, Fortunatamente, poco dopo mamma ha cominciato a stare bene». E conclude amareggiata: «Non credo sia normale che la guardia medica ti dica di richiamare dopo mezz’ora perché hanno un cambio del turno. Quando l’ho raccontato a quelli del 118, sono rimasti allibiti»”.