Napoli. Dimessa dopo due tamponi negativi, è morta all’improvviso: salma positiva al Covid

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 Aprile 2020 13:44 | Ultimo aggiornamento: 20 Aprile 2020 13:45
Napoli. Dimessa dopo due tamponi negativi, è morta all'improvviso: salma positiva al Covid

Napoli, Pronto soccorso (Ansa)

ROMA – Era guarita, aveva sconfitto il virus, due tamponi negativi questo dicevano. Invece una signora di 55 anni di Mugnano, un comune a nord di Napoli, un paio di giorni fa si è sentita male, è stata di nuovo ricoverata ma alla fine, ieri, non ce l’ha fatta: è morta. 

I familiari dicono sia stata stroncata da un ictus, altri parlano di leucemia fulminante. Ma l’autopsia dice un’altra cosa ancora, e forse più inquietante: la salma è risultata positiva al coronavirus. Le è tornato? I tamponi non sono affidabili?

La signora, A. M., figlia di un noto di un noto imprenditore del settore ittico, è dunque, la quarta vittima da coronavirus nell’area metropolitana di Napoli. Il padre, poco più di un mese fa, era stato il primo. Era appena uscita dal registro dei guariti, solo per rientrare in quello dei decessi.

Come si spiega? A parte la possibilità di anomalie nell’esecuzione dei tamponi, non c’è certezza scientifica su quanto duri l’immunità data dal contagio. “I medici ipotizzano -spiega Il Messaggero – che il virus possa essere rimasto dormiente nell’organismo della paziente ed essersi riattivato nei giorni antecedenti al decesso”. (fonte Il Messaggero)