Napoli/ Il Comune ordina ai Vigili: “Multate, multate e qualcosa verrà in tasca a voi”

Pubblicato il 15 giugno 2009 16:27 | Ultimo aggiornamento: 15 giugno 2009 16:37

Il Comune di Napoli vuole, sempre più, fare cassa con le multe. Come tutti i Comuni d’Italia. A Napoli però l’amministrazione, con imprudenza e un po’ di insolenza, ha messo il tutto nero su bianco. Più multe fanno i vigili, più avanzano di carriera. Questo è quanto emerso dalla circolare firmata dal vice comandante Antonietta Agliata – e riportata da «Il Mattino» – che ha scatenato non poche polemiche tra automobilisti e ambulanti, vittime designate.

Il testo varato dal Comune  fissa alcuni standard di produzione tra cui quello che riguarda, appunto, le multe e i sequestri. In base al numero di contravvenzioni fatte, vengono stabiliti anche i «premi»: benefici in busta paga e avanzamenti di carriera.

La novità ha irritato gli automobilisti. E  anche il generale della polizia municipale Luigi Sementa (la lettera è stata, infatti, fatta circolare quando lui non c’era). Dal suo punto di vista l’aspetto più grave è che nel caso in cui le contravvenzioni fatte non raggiungano il numero minimo stabilito, scattano di fatto sanzioni a danno dei Vigili. Nella circolare sta infatti scritto: «Il mancato raggiungimento di tali obiettivi influirà sul giudizio finale connesso alle valutazioni utili per le future progressioni economiche».