Napoli: medico legale chiede la tangente ad una disabile

Pubblicato il 24 Maggio 2011 22:49 | Ultimo aggiornamento: 24 Maggio 2011 22:49

NAPOLI – Una donna si è vista chiedere una tangente dal medico legale, incaricato dal tribunale di Napoli chiamato a pronunciarsi sul ricorso che aveva presentato per riottenere il sussidio a favore della figlia disabile. La donna, Lucia Viggiano, 47 anni, ha però deciso di denunciare tutto alle forze dell’ordine che martedì mattina hanno arrestato in flagranza il consulente insieme ad un avvocato della provincia di Napoli.

La vicenda, riportata dal Corriere della Sera, inizia nel febbraio scorso quando Viggiano ha visto sospendersi dall’Inps il sussidio riconosciutogli dal tribunale alla figlia. La decisione dell’istituto di previdenza non ha fatto arrendere la donna che è ricorsa di nuovo alle vie legali. La sezione Lavoro del tribunale di Napoli, chiamata ad istruire la causa, ha richiesto una nuova consulenza medico-legale, la cui visita si è svolta poi nel febbraio scorso.

“Dopo il primo appuntamento allo studio e, tramite un avvocato che avevo incaricato di seguire l’istanza, il medico ha avanzato una richiesta di 500 euro per sbloccare la pratica”, spiega la madre, che aggiunge come la condotta del medico non abbia tenuto in minima considerazione “la sofferenza che c’è dietro questa vicenda personale”.