Cronaca Italia

Napoli, morto che firma: a suo nome 1.600 revisioni di auto

Napoli, morto che firma: a suo nome 1.600 revisioni di auto

Napoli, morto che firma: a suo nome 1.600 revisioni di auto

NAPOLI – Un morto che firma. A Napoli è venuto fuori che era di un tecnico di 51 anni deceduto nove mesi fa l’autografo posto su 1.600 revisioni di automobili. 

Il nome del morto è venuto fuori durante dei controlli per la sicurezza stradale e dei veicoli nel capoluogo partenopeo da parte dei Carabinieri: era usato dal responsabile di un centro di revisione dove la documentazione veniva rilasciata senza rispettare tutte le norme del Codice della strada.

Nell’operazione sono state verificate oltre 20.000 revisioni rilasciate a Napoli e in alcune aree della provincia, ed è stato scoperto un software che consentiva il rilascio della documentazione di revisione senza neanche la presenza dell’auto sui rulli di prova dei veicoli. In questo modo si riusciva a fare le revisioni senza neanche portare l’auto in officina. 

 

To Top