Napoli, non si fermano all’alt. La folla li difende, poliziotto riceve uno schiaffo

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 Marzo 2015 0:26 | Ultimo aggiornamento: 13 Marzo 2015 0:26
Napoli, non si fermano all'alt. La folla li difende, poliziotto riceve uno schiaffo

Napoli, non si fermano all’alt. La folla li difende, poliziotto riceve uno schiaffo

NAPOLI – Nel Rione Sanità di Napoli, la polizia intima l’alt ad un motociclo con due persone a bordo. I due non si fermano e la polizia si lancia in un inseguimento che termina quando il motociclo finisce contro i secchioni della spazzatura. Le due persone a bordo vengono soccorse e denunciate. A questo punto intervengono in molti che cominciano a minacciare gli agenti. Uno dei passanti molla anche uno schiaffo ai poliziotti. Il tutto finisce con due arresti.

La vicenda la ricostruisce Il Mattino che pubblica un articolo che riporta più o meno fedelmente il verbale stilato dagli agenti:

“Due poliziotti, la scorsa notte, sono intervenuti in via Sanità dove, poco prima, una volante del Commissariato Dante, in servizio di controllo del territorio intimava l’ “Alt Polizia” ad un motociclo con due persone a bordo. La coppia, nel tentativo di sfuggire al controllo, accelerava la marcia impattando prima contro lo sportello della volante e poi contro i cassonetti della spazzatura. In quella circostanza, gli agenti, hanno dapprima soccorso la coppia, allertando il 118 e poi denunciato in stato di libertà gli stessi per resistenza, lesioni a pubblico ufficiale e danneggiamento a cose della pubblica amministrazione. Durante l’intervento in strada, si sono riunite diverse persone del quartiere che hanno cominciato ad inveire contro i poliziotti. In particolare, presente tra la folla di persone che minacciavano gli agenti, Amodio, invitato a fornire i documenti agli agenti, continuava a minacciarli ed oltraggiarli. Successivamente, giungeva anche Brunetti che colpendo con uno schiaffo un poliziotto cercava di impedire che lo stesso Amodio fosse portato negli uffici di Polizia per l’ identificazione. Quest’ultimo che continuava a minacciare i poliziotti nel tentativo di divincolarsi, dava un calcio ad un agente mentre gli astanti continuavano ad incitarli. Giunti finalmente in ufficio, durante la fase dell’ identificazione, il 42enne ancora in preda all’ira, si toglieva una scarpa e la lanciava contro un poliziotto. Gli agenti, per le ferite riportate, sono dovuti ricorrere alle cure mediche ospedaliere. I poliziotti hanno quindi arrestato i due uomini che in giornata saranno giudicati con il rito direttissimo”.