Napoli, profugo minaccia poliziotti con bottiglia rotta per sfuggire all’arresto

di redazione Blitz
Pubblicato il 22 Maggio 2017 17:12 | Ultimo aggiornamento: 22 Maggio 2017 17:13
Napoli, profugo minaccia poliziotti con bottiglia rotta per sfuggire all'arresto

Napoli, profugo minaccia poliziotti con bottiglia rotta per sfuggire all’arresto

NAPOLI – Ha assalito i poliziotti che lo avevano sorpreso a spacciare droga. Per scampare all’arresto li ha minacciati con i cocci di una bottiglia rotta. E’ accaduto domenica sera a Napoli. Protagonista un richiedente asilo ospite del Centro di Accoglienza di Vairano Scalo. Si chiama Kaba Camara, ha 20 anni e viene dalla Guinea Bissau

Accerchiato da agenti e militari, il giovane africano, resosi conto di non aver via di fuga, ha raccolto a terra una bottiglia di vetro, l’ha spaccata ed ha iniziato a brandirla minacciando chiunque provasse ad avvicinarsi. E’ stato infine bloccato e arrestato con l’accusa di detenzione di droga ai fini di spaccio, spaccio e resistenza e violenza a pubblico ufficiale. Indosso gli sono state trovate e sequestrate 16 “stecchette” di hashish, tipo afgano, e una banconota provento dell’ultima dose venduta.

L’africano, con precedenti per violazione alla normativa sulle sostanze stupefacenti ed entrato in Italia come profugo il 17 luglio del 2015, è stato rinchiuso nella casa circondariale di Napoli – Poggioreale. Due poliziotti e un militare sono stati invece portati nel pronto soccorso dell’Ospedale San Giovanni Bosco della città: i medici li hanno giudicati guaribili in due giorni.