Napoli. Raffaele Villano uccide Nicola Sejdovic: era esasperato dai furti nel suo bar

Pubblicato il 22 Maggio 2012 10:14 | Ultimo aggiornamento: 22 Maggio 2012 11:58

NAPOLI – Raffaele Villano, uno dei titolari del bar Blue Moon di San Marcellino (Caserta), accusato di aver ucciso Nicola Sejdovic, il rom quindicenne sorpreso a rubare nel suo locale ha spiegato agli investigatori di essere particolarmente agitato perche' gia' dieci giorni fa aveva subito un furto.

In quella circostanza, ha aggiunto, i malviventi gli avevano anche sparato con una pistola a salve. L'uomo abita al piano superiore del bar, molto noto nella zona e frequentato da personaggi del mondo dello sport e dello spettacolo (poche ore prima del furto Villano aveva inviato una torta ai calciatori del Napoli per la vittoria della coppa Italia).

Quando e' stato svegliato dalla sirena dell'antifurto, si e' affacciato e ha visto quattro giovani che, dopo avere scassinato il locale, stavano caricando su un'auto la macchinetta mangiasoldi, quella che cambia le banconote in monete per le slot machine. A quel punto ha impugnato un revolver, legalmente detenuto, e ha fatto fuoco quattro volte.

Sejdovic, che stava entrando nell'auto dal portellone tirandosi dietro la macchinetta mangiasoldi, e' stato raggiunto al torace e a una gamba. I ladri sono poi fuggiti perdendo dopo una cinquantina di metri la macchinetta, che e' stata recuperata dai proprietari. Gli agenti, coordinati dal vicequestore Pasquale De Lorenzo, hanno sequestrato il revolver e i due fucili di Villano e recuperato i quattro bossoli.