Napoli, sfogliatella tagliata in due: cinquanta centesimi in più sullo scontrino

di redazione Blitz
Pubblicato il 15 Giugno 2020 14:52 | Ultimo aggiornamento: 15 Giugno 2020 14:52
Napoli, sfogliatella tagliata in due: cinquanta centesimi in più sullo scontrino

Napoli, sfogliatella tagliata in due: cinquanta centesimi in più sullo scontrino (Foto Facebook)

NAPOLI  –  Cinquanta centesimi in più, segnati anche sullo scontrino, per dividere in due la sfogliatella. 

È quanto si è ritrovato a pagare un cliente di un bar di Ponticelli, a Napoli.

Cinquanta centesimi in più, compresa Iva, perché il dolce è stato diviso a metà per essere consumato dai due clienti che stavano facendo la consumazione al tavolino.

Una maggiorazione che non è piaciuta nemmeno a Rosario Stornaiuolo, presidente di Federconsumatori Campania.

“Incredibile e ridicolo”, ha scritto sui social Stornaiuolo. “Un bar a Ponticelli aggiunge 50 centesimi allo scontrino perché taglia in 2 la sfogliatella. Fermiamo queste pazzie. Non è una questione di 50 centesimi, ma di etica nel commercio”.

Sempre Stornaiuolo ha aggiunto: “Comprendiamo le necessità dei gestori dei locali ma non è questa la strada. Non saranno 50 centesimi in più pagati dai clienti ad aiutare a superare la crisi del Coronavirus. Il tema dei rincari è uno degli effetti collaterali della crisi post-Coronavirus di cui si discute da giorni. I prezzi di molti prodotti hanno registrato un incremento negli ultimi giorni”. 

A Fanpage il cliente ha commentato: “Devo premettere che abbiamo mangiato un’ottima sfogliatella napoletana. Ma sono rimasto sbalordito quando ho letto la maggiorazione di 50 centesimi per la divisione del dolce sullo scontrino. Non è tanto una questione di prezzo, perché li avremmo lasciati probabilmente di mancia, ma non possiamo essere noi clienti a dover pagare la crisi del coronavirus”. (Fonte: Fanpage)