Napoli, sfugge all’arresto con i documenti del gemello. Preso dopo 6 anni

Pubblicato il 9 novembre 2010 18:05 | Ultimo aggiornamento: 9 novembre 2010 18:18

Un latitante nigeriano, Israel Odion Aigbekean, di 41 anni, sfuggito per sei anni alla cattura utilizzando i documenti di identità del fratello gemello, che è in possesso di regolare permesso di soggiorno in Italia, è stato arrestato nelle prime ore di oggi da agenti del Commissariato di Castel Volturno (Caserta).

L’extracomunitario era destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Napoli nei confronti di 33 immigrati a conclusione di indagini del Commissariato di Castel Volturno dal 2000 al 2002.

Erano accusati di associazione mafiosa, induzione e sfruttamento della prostituzione, riduzione in schavitù e tratta di esseri umani. Aigbekean che riuscì a sottrarsi alla cattura nel corso dell’operazione ”Restore Freedom” è ritenuto – è spiegato in una nota della Polizia un elemento ”apicale dell’organizzazione” che ”reclutava in Nigeria ragazze, anche minorenni,con la falsa promessa di un posto di lavoro”.

L’arrestato ha trascorso la latitanza tra Germania, Belgio ed Olanda. Tornava sporadicamente in Italia. Per accertare la vera identità del latitante, considerata la grande somiglianza con il fratello, è stato necessario sottoporlo alla comparazione delle impronte digitali.

5 x 1000

[gmap]