Napoli: studente di 13 anni violentato da 7 compagni di classe

Pubblicato il 10 Aprile 2011 10:21 | Ultimo aggiornamento: 10 Aprile 2011 10:21

NAPOLI – Violentato, seviziato e costretto a dei rapporti orali. Questo il racconto di un ragazzo di 13 anni che rivela le sue due notti da incubo vissute mentre era in gita con i compagni di classe in Puglia, compagni, coetanei che lo avrebbero costretto a fare sesso orale.

La vittima racconta tutto ai genitori quando torna a casa. E loro, distrutti dal dolore, fanno una denuncia dettagliata alla preside della scuola napoletana. Ma una settimana dopo le forze dell’ordine non sanno ancora nulla di quella violenza di gruppo. Saranno i carabinieri a cercare i genitori del ragazzo, grazie alle informazioni ricevute da conoscenti.

Sevizie di bambini su bambini. Tutti lo sanno ma nessuno parla per una settimana. La scuola è quella di Posillipo e i sette aggressori come la vittima sono rampolli di famiglie bene. Tutti iscritti alla terza media della scuola Marechiaro, ultimo anno e nessuno che ha ancora compiuto quattordici anni.

Tant’è che i carabinieri del luogotenente Tommaso Fiorentino, dopo aver raccolto la denuncia dei genitori, non hanno potuto far altro che consegnare al tribunale dei minori il fascicolo con i sette nomi.