Napoli, ucciso a colpi di pistola davanti all’asilo del nipotino

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 aprile 2019 11:59 | Ultimo aggiornamento: 9 aprile 2019 11:59
Napoli, ucciso a colpi di pistola davanti all'asilo del nipotino (foto Ansa)

Napoli, ucciso a colpi di pistola davanti all’asilo del nipotino (foto Ansa)

ROMA – Ucciso a colpi di pistola davanti all’asilo dove stava accompagnando il nipotino di tre anni.

Luigi Mignano: questo il nome della vittima. Accanto al suo cadavere c’è lo zainetto di un bimbo. Quello del nipotino, miracolosamente scampato alle pallottole.

Anche il figlio, Pasquale, 32 anni, è rimasto ferito nell’agguato. A sparare due sicari a bordo di uno scooter. Numerosi i colpi esplosi. In strada, vicino al cadavere, c’è un’auto crivellata di proiettili. 

Tutto è successo tra via Sorrento e via Ravello, intorno alle 8,30 del mattino, l’orario di ingresso dell’Istituto Vittorino da Feltre, nel cuore del Rione Villa, nell’area Est di Napoli

Luigi Mignano aveva precedenti per estorsione e droga.

“Fino a stamattina eravamo fiduciosi che la situazione fosse migliorata, poi un agguato davanti ad un bimbo di tre anni, il nipote della vittima, ci ha fatto capire che la ferocia è aumentata”. Padre Modesto Bravaccino un anno fa mostrò un proiettile che era finito nel campetto dell’oratorio della sua chiesa, a due passi da luogo dell’agguato di oggi a Napoli. “Da quel giorno si è sparato tanto ma nessun omicidio – dice – oggi in questa zona c’erano mamme, bimbi che andavano a scuola, anziani che stavano venendo a messa”. Fonte: Ansa.