Napoli. Unioni civili: diritto riconosciuto anche alle coppie gay

Pubblicato il 13 Febbraio 2012 15:12 | Ultimo aggiornamento: 13 Febbraio 2012 15:17

NAPOLI – Il registro delle Unioni Civili e' ormai una realta' del Comune di Napoli. L'atto deliberativo e' stato approvato dal Consiglio Comunale. Nasce dunque il registro che consentira' ai cittadini conviventi anche dello stesso sesso di avere diritti civili ed anche partecipare ai 'bandi' pubblici.

Il sindaco, Luigi de Magistris, sottolineando l'utilita' dell'atto amministrativo, ne sottolinea anche il valore politico precisando che il prossimo atto sara' quello della 'cittadinanza simbolica' ai figli degli immigrati al fine di creare una 'carta dei servizi' che garantisca loro l'equiparazione ai bambini napoletani, per tutti i diritti.

''Quella delle unioni civili e' una pagina molto importante, il Registro lancia un messaggio forte da Napoli che e' la culla della civilta' giuridica in attuazione articolo 3 della Costituzione – ha detto de Magistris – i diritti e doveri sono anche di unirsi in modo diverso rispetto alla maggioranza dei cittadini. Stiamo scrivendo una pagina storica che porteremo in tutto il Paese''.

L'atto deliberativo approvato il 24 novembre scorso, prevede la nascita del Registro ed il riconoscimento dei diritti civili fino a quando persiste la situazione di convivenza, senza distinzione di sesso.

L'approvazione della deliberazione in Consiglio Comunale ha visto alcuni distinguo da parte delle forze politiche di opposizione e la richiesta chiara di non confondere i valori della famiglia con le coppie di fatto.

''Il registro avra' effetti concreti e non e' solo un atto politico – ha detto de Magistris – mettiamo in evidenza dei 'diritti' dormienti e basti pensare che il Sindaco di Milano ne ha chiesto una copia. Voglio sia chiaro che non si deve confondere l'amore con il sesso, noi parliamo del primo caso''.