Napoli: Vincenzo, seviziato a 14 anni, torna a casa. Papa Francesco lo incontrerà

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 Ottobre 2014 22:09 | Ultimo aggiornamento: 25 Ottobre 2014 1:11
Napoli: Vincenzo, seviziato a 14 anni, torna a casa. Papa Francesco lo incontrerà

Foto Ansa

ROMA – Vincenzo, il ragazzo di 14 anni seviziato a Napoli il 9 ottobre da un gruppo di coetanei, torna a casa. Il giovane è stato dimesso dopo 17 giorni dal reparto di chirurgia dell’ospedale San Paolo, ed ha lasciato l’ospedale con un look da eroe del basket o del baseball: giubbotto blu stile college americano, cappellino con la visiera e pantaloni della tuta. Mentre lascia la struttura, Vincenzo ha stretto le mani a tutti. Intorno a lui, tutti gli dicono “Vai”, “Grande”. “Sei tutti noi”.Davanti l’ingresso di casa ha trovato uno striscione con la scritta “Bentornato a casa”, e dei palloncini bianchi e azzurri, come la maglia della sua squadra del cuore.

Il quattordicenne abita a Pianura ed ora torna a casa dopo essere stato seviziato con un compressore il 7 ottobre da un 24enne in un autolavaggio.

E di lui parla oggi anche Papa Francesco che ha detto che lo incontrerà. Lo ha confidato a Tv2000 il padre del ragazzo. Il padre Lello racconta della visita ricevuta da un sacerdote del Centro don Giustino di Pianura, che ha comunicato alla famiglia l’intenzione del Papa di voler incontrare Vincenzo. “Lo vuole vedere e ci andremo al più presto. Questa settimana non è possibile perché non se la sente di viaggiare in macchina. E’ possibile che l’incontro avvenga la prossima settimana”.

Vincenzo finì in ospedale dove fu sottoposto a un delicato intervento chirurgico, durato cinque ore, necessario per prestare le prime cure al suo intestino lacerato dopo essere stato seviziato con il tubo di un compressore in un autolavaggio del quartiere Pianura di Napoli, da un ragazzo di 24 anni, sposato e con un figlio.

Violenze subìte soltanto perché ritenuto troppo grasso. Dal quel momento per lui è iniziato un calvario che si concluderà solo tra quattro mesi, con un’altra operazione, forse l’ultima. In molti non hanno fatto mancare il proprio affetto a Vincenzo, come il suo beniamino, l’attaccante del Napoli Gonzalo Higuain, che gli ha anche fatto recapitare una propria maglia autografata.