Naufragio Lampedusa, Ignazio Marino: “Saranno accolti a Roma”

Pubblicato il 4 ottobre 2013 21:42 | Ultimo aggiornamento: 4 ottobre 2013 22:29
Naufragio Lampedusa, Ignazio Marino: "Saranno accolti a Roma"

Ignazio Marino (Foto LaPresse)

ROMA – “I 155 superstiti di Lampedusa saranno accolti a Roma”. Il sindaco Ignazio Marino lo ha annunciato la sera del 4 ottobre, spiegando che si tratta del “primo segnale della ribellione contro la rassegnazione e l’indifferenza”.

Marino ha dichiarato: “I 155 superstiti verranno accolti qui, in questa città, grazie anche alla collaborazione del ministero dell’Interno. E questo è il primo segnale della ribellione contro la rassegnazione e l’indifferenza”.

Il sindaco di Roma ha poi aggiunto: “Ho l’onore di accogliervi nella piazza del Campidoglio per ricordare le donne, i bambini e gli uomini che hanno perso la vita nel mare di Lampedusa. Siamo furenti di contare le vittime in mare. Non possiamo più assistere a questa tragedia e vogliamo impegnarci contro l’indifferenza, contro quella che papa Francesco ha definito la globalizzazione dell’indifferenza. Roma vuole anteporre la cultura della vita al crimine dell’indifferenza”.