‘Ndrangheta, il boss di Reggio Nino Lo Giudice è scomparso. Doveva deporre

Pubblicato il 6 Giugno 2013 14:30 | Ultimo aggiornamento: 6 Giugno 2013 14:31
'Ndrangheta, il boss di Reggio Nino Lo Giudice è scomparso. Doveva deporre

‘Ndrangheta, il boss di Reggio Nino Lo Giudice è scomparso. Doveva deporre

REGGIO CALABRIA – Nino Lo Giudice, il più importante pentito di ‘Ndrangheta ed ex boss di Reggio Calabria, è scomparso. Lo Giudice non si è presentato giovedì mattina ad un processo a Reggio in cui avrebbe dovuto deporre. Fonti della Dda hanno confermato la notizia della sua scomparsa, aggiungendo che sono stati avviati accertamenti.

Il pentito avrebbe dovuto deporre, collegato in videoconferenza, al processo Archi-Astrea. Il presidente del collegio Giuseppe Campagna all’udienza, cominciata in ritardo, ha inizialmente parlato di “problemi tecnici” comunicati dal servizio centrale di protezione in relazione alla traduzione del pentito al sito riservato. Ma del collaboratore si sarebbero perse le tracce. In procura a Reggio Calabria si è tenuto un vertice tra magistrati.

Antonino Lo Giudice è il boss dell’omonima cosca di Reggio Calabria che, dopo l’arresto, ha iniziato a collaborare con la giustizia. Si è autoaccusato delle bombe esplose sotto l’ufficio della Procura generale di Reggio Calabria nel gennaio 2010 e sotto l’abitazione del pg Salvatore di Landro nell’agosto dello stesso anno, e del lanciarazzi fatto trovare a duecento metri dagli uffici giudiziari come segnale intimidatorio nei confronti dei magistrati di Reggio.