‘Ndrangheta, il latitante Massimiliano Sestito arrestato in spiaggia a Palinuro

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 settembre 2013 8:55 | Ultimo aggiornamento: 21 settembre 2013 8:55

'Ndrangheta, il latitante Massimiliano Sestito arrestato in spiaggia a PalinuroROMA – Massimiliano Sestito, latitante ricercato da agosto, è stato arrestato sulla spiaggia di Palinuro, in Campania.

Sestio, 42 anni, è pluripregiudicato per omicidio, associazione a delinquere e traffico di droga. Appartiene alla cosca Iozzo-Chiefari-Procopio, attiva nella provincia di Soverato, in Calabria

Il 20 agosto 1991, Sestito, allora poco più che ventenne, uccise a colpi di pistola un appuntato dei carabinieri nel tentativo di forzare un posto di blocco a Satriano, in provincia di Catanzaro. Per quell’episodio fu condannato all’ergastolo, pena poi ridotta in appello a 30 anni di reclusione.

Latitante dal 9 agosto scorso, è stato rintracciato mentre, in costume da bagno, prendeva il sole insieme ad un amico sulla spiaggia di via Saline a Centola, frazione di Palinuro (Salerno).

L’uomo è stato immediatamente riconosciuto dagli uomini della Mobile, nonostante avesse fornito documenti falsi intestati ad altra persona.

Durante la perquisizione in casa dell’amico, i poliziotti hanno trovato indumenti, effetti personali e documenti riconducibili a Sestito. Per questo l’uomo è stato arrestato insieme alla madre per il reato di procurata inosservanza di pena.

Secondo gli investigatori Sestio è un elemento di spicco della ‘ndrangheta calabrese e, come tale, gravitante in contesti ‘ndranghetistici di Roma, dove lo scorso gennaio è stato consumato l’omicidio di matrice mafiosa del pregiudicato calabrese Vincenzo Femia, ritenuto il referente sul territorio romano della cosca reggina Nirta di San Luca.