‘Ndrangheta in Lombardia: avviso di garanzia per due costruttori del Pavese

Pubblicato il 22 luglio 2010 22:48 | Ultimo aggiornamento: 22 luglio 2010 22:55

Anche due imprenditori edili della provincia di Pavia risultano indagati nell’ambito dell’inchiesta della Procura distrettuale antimafia sulle infiltrazioni della ‘ndrangheta nel territorio.

Rodolfo Morabito, costruttore edile di Borgarello (Pavia), e Antonio Dieni, titolare di una ditta di Sant’Alessio (Pavia), sono stati raggiunti da un avviso di garanzia nel quale si ipotizza l’accusa di concorso in associazione mafiosa.

I due, secondo l’accusa, sarebbero stati coinvolti dall’ex direttore della Asl Carlo Chiriaco e dall’avvocato Pino Neri, entrambi finiti in carcere perché considerati i referenti delle cosche calabresi in provincia di Pavia, in operazioni immobiliari. Le indagini sul loro conto proseguono. Sia Morabito che Dieni si dichiarano innocenti.