Nicola Tincani, il giallo del portafoglio. Alcuni amici: “Aveva litigato con uno straniero”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 27 febbraio 2014 13:35 | Ultimo aggiornamento: 27 febbraio 2014 13:37
Nicola Tincani e la sua bicicletta, ritrovata domenica

Nicola Tincani e la sua bicicletta, ritrovata domenica

MONSELICE (PADOVA), 27 FEB – E’ sparito il portafoglio di Nicola Tincani, il 17enne trovato morto nelle acque del Bisatto lunedì scorso. Nicola era scomparso sabato, dopo una serata con gli amici. L’ultima volta l’hanno visto al Crash Pub di via Cà Oddo di Monselice, mentre festeggiava con loro, con i compagni di sempre.

E adesso le indagini si complicano, se possibile, ancora di più. Sigarette, accendino, il telefono cellulare e il lettore mp3, nelle tasche di Nicola gli agenti hanno ritrovato tutto, tutto tranne il portafoglio. Non si esclude l’ipotesi che sia scivolato fuori da una tasca nel momento della caduta in acqua. Ma non si esclude neanche l’altra ipotesi, visto che i sommozzatori, nelle acque del Bisatto, per ora non hanno trovato nulla. Qual è l’altra ipotesi? Che qualcuno lo abbia rubato. Anche se, secondo gli amici che erano con lui, Nicola in tasca, nel portafoglio, con sé aveva soltanto pochi euro.

Poi c’è la pista del litigio. Tra gli amici infatti, come scrive il Gazzattino c’è chi racconta che il 17enne avesse avuto un litigio con uno straniero al Kairos, locale del centro storico in cui Nicola era effettivamente stato prima di raggiungere il Crash Pub di via Cà Oddo.