Nigeriano aggredisce con l’ascia un passante e i Carabinieri: arrestato

di redazione Blitz
Pubblicato il 17 Febbraio 2020 20:38 | Ultimo aggiornamento: 17 Febbraio 2020 22:57
 carabinieri castiglione delle stiviere

Nigeriano aggredisce con l’ascia un passante e i Carabinieri. Accade vicino Mantova (foto Ansa)

MILANO – A Castiglione delle Stiviere (Mantova) un nigeriano di 29 anni ha dato in escandescenze per strada sfasciando auto e arredo urbano con un’ascia e, quando un passante è intervenuto, lo ha colpito fortunatamente con il dorso dell’arma, ferendolo. Per questo, l’uomo è stato arrestato dai Carabinieri di Castiglione e Mantova.

Quando i militari sono intervenuti, l’uomo ha danneggiato gravemente anche la loro auto con l’ascia. Il pm di turno gli contesterà i reati di strage e tentato omicidio, oltre che di danneggiamento aggravato, resistenza e lesioni. I Carabinieri mantovani stanno cercando nei vari ospedali l’uomo che ha cercato di fermarlo che, al loro arrivo, non era più sul posto. 

Secondo quanto si è saputo in un secondo tempo, l’uomo ferito non è intervenuto per placare l’immigrato armato di ascia ma è stato colpito volontariamente senza alcuna ragione.

L’uomo ferito è un 38enne immigrato irregolare. L’immigrato si trova ancora ricoverato all’ospedale di Castiglione dove è stato medicato per una ferita all’avambraccio sinistro. La prognosi è di 20 giorni, le sue sue condizioni non destano preoccupazioni e dovrebbe essere dimesso in nottata.

Secondo quanto ha raccontato ai Carabinieri il 38enne, su cui si stanno effettuando accertamenti per stabilire il luogo di dimora essendo irregolare sul territorio italiano, si trovava a passare per caso quando il nigeriano lo ha aggredito. Lui, per ripararsi il volto, ha alzato il braccio sinistro ed è stato raggiunto da un colpo con il manico dell’ascia.

L’aggressore ha invece 29 anni. del suo nome sono state diffuse solo le iniziali O.B. Secondo i primi accertamenti anche lui risulterebbe irregolare e senza fissa dimora. L’uomo avrebbe raggiunto Castiglione proveniente dalla vicina Desenzano del Garda in provincia di Brescia. Ora è stato trasferito in carcere a Mantova.

Fonte: Ansa