Nives Savelli lascia villa in eredità ai suoi 12 cani. Beato il custode…

di redazione Blitz
Pubblicato il 14 gennaio 2017 19:25 | Ultimo aggiornamento: 14 gennaio 2017 19:25

ROMA – I proprietari della villa sono loro, i dodici cani di Nives Savelli, professoressa di lettere scomparsa quattro anni fa e talmente legata ai suoi amici a quattro zampe da averli citati nel testamento. Ora corrono felici, inconsapevoli dell’immensa fortuna ereditata, nel grande parco che circonda la villa a Creazzo, sui colli vicentini.

Nives Savelli fu trovata morta proprio in quel giardino, per cause naturali: fu ordinata l’autopsia per scartare l’ipotesi di un’aggressione. Ma soltanto ora sono state rese note le sue ultime volontà: gli eredi del lascito milionario sono il nipote Edoardo Savelli e il consulente finanziario della donna, Giancarlo Marcotti, ma ad una condizione: che si prendano cura dei suoi 12 cani. Il testamento ordina che siano seguiti costantemente da un veterinario e che venga nominato un custode personale per loro.

La scelta fortunata è caduta su Arturo Chiliberti che cura la proprietà e accudisce i 12 amici a quattro zampe così come voleva la professoressa.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other