No Tav tornano ad attaccare: assalto con sassi e fionde

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 Settembre 2015 9:59 | Ultimo aggiornamento: 6 Settembre 2015 9:59
No Tav tornano ad attaccare: assalto con sassi e fionde

Foto d’archivio

TORINO – Tornano i No Tav. Attacco a sorpresa nella notte tra sabato e domenica al cantiere Tav di Chiomonte da parte di una trentina di attivisti che hanno agito a volto coperto. L’azione è parzialmente fallita grazie all’intervento delle forze dell’ordine.

Sono state lanciate pietre e bulloni scagliati con le fionde verso i presidi interforze che proteggono le recinzioni. Due mezzi sono state danneggiate, colpiti sulle carrozzerie e vetri infranti. Polizia e carabinieri hanno reagito in pochi istanti: gli agenti della Digos sono riusciti a fermare otto aggressori, tutti attivisti del centro sociale Askatasuna.

Come riporta La Stampa, l’attacco, evidentemente pianificato, era stato preceduto da una manifestazione pacifica ed erano stati piantati semi nella Clarea, dove sorge il cantiere. L’attacco di stanotte è il primo dopo una lunga pausa; di forte intensità, ha ricordate le azioni di area anarchica del maggio 2013.