No-Tav, Vattimo, Caselli, De Luca: i fatti e le polemiche, cronologia dal 15 agosto

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 settembre 2013 12:25 | Ultimo aggiornamento: 3 settembre 2013 12:29
No-Tav, Vattimo, Caselli, De Luca: i fatti e le polemiche, cronologia dal 15 agosto

No-Tav, Vattimo, Caselli, De Luca: i fatti e le polemiche, cronologia dal 15 agosto (nella foto Gianni Vattimo, LaPresse)

ROMA – Perché Gianni Vattimo è stato interrogato dalla procura di Torino per falso ideologico dopo che era andato a trovare un attivista no-Tav in carcere? Perché il procuratore Gian Carlo Caselli ha attaccato Vattimo?

Ricostruiamo la cronologia dei fatti e delle dichiarazioni aiutandoci con le cronache dell’Ansa, e partendo dal pomeriggio del 15 agosto, quando Vattimo, europarlamentare dell’Italia dei Valori, andò a trovare in carcere Davide Giacobbe, accompagnandosi ai no-Tav Luca Abbà e Nicoletta Dosio, che il filosofo ha qualificato come suoi “consulenti”.

Tav: Vattimo, dai no tav forse illegalità ma nessuna violenza
TORINO, 15 AGO – Secondo l’europarlamentare torinese dell’Idv Gianni Vattimo, da parte del movimento no tav ”ci può essere forse un pò di illegalità, ma non è violenza. Definire sovversivi i no tav è sicuramente un eccesso”: è quanto Vattimo ha dichiarato oggi dopo essere stato in visita al carcere delle Vallette di Torino. Quella dei no tav – ha detto – ”è una forma di pressione che ci vuole, perché la questione è stata sempre trattata senza consultare il territorio. Non sono un paladino della violenza, ma delle dimostrazioni pacifiche. E i blocchi stradali sono solo modi di farsi sentire visto che nessuno dà loro retta”. Quanto alla situazione trovata in carcere, Vattimo ha aggiunto: ”Ho visto tanti drammi ma soprattutto problemi dovuti alla mancanza di risorse. Se i soldi fossero spesi meglio, con meno F35 e meno militari in Valle di Susa, la qualità della vita dei detenuti potrebbe migliorare di molto”.

La visita di Vattimo viene notata dagli esponenti pd pro-Tav Stefano Esposito e Raffaele Bianco, che denunciano i suoi accompagnatori con un comunicato. Si allerta la procura di Torino.

Tav: controlli pm su visita Vattimo in carcere a Giacobbe
ROMA, 16 AGOSTO – La procura di Torino svolgerà dei controlli sulla visita in carcere che l’europarlamentare dell’ Idv Gianni Vattimo ha fatto ieri a Daniele Giacobbe, l’attivista no tav detenuto alle Vallette a Torino. L’oggetto degli accertamenti è la presenza con lui di altri due attivisti, Luca Abbà e Nicoletta Dosio, presenza segnalata ai media dal deputato pro-tav del Pd Stefano Esposito. In base ai regolamenti non possono avere contatti con i detenuti, a differenza dei parlamentari. Secondo Esposito e il responsabile del Comparto Sicurezza del Pd, Raffaele Bianco, che hanno diffuso una nota congiunta, Vattimo nella sua visita di ieri alle Vallette ”si è fatto accompagnare dal pluridenunciato e pluripregiudicato Luca Abbà, e dalla portavoce del movimento no tav Nicoletta Dosio, recentemente fermata e denunciata per i blocchi e le perquisizioni dei tir sulla A32”. ”Vorremo informare l’onorevole Vattimo – aggiungono – che nei giorni scorsi alcuni mitomani no tav non solo hanno bloccato il traffico, ma hanno anche fermando e perquisito i Tir in transito bucando le ruote ad uno di essi”.