Noemi Durini, Fausto Nicolì si difende: “Tirato in ballo da un burattino”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 29 gennaio 2018 17:47 | Ultimo aggiornamento: 29 gennaio 2018 17:47
noemi durini fausto nicoli

Noemi Durini, la 16enne uccisa nelle campagne di Castrignano del Capo

LECCE – E’ stato interrogato questa mattina, 29 gennaio, in Procura a Lecce Fausto Nicolì, il meccanico 49enne di Salve, indagato nell’ambito delle indagini per l’uccisione della sedicenne Noemi Durini, scomparsa da casa il 3 settembre 2017 da Montesardo, frazione di Alessano (Lecce) e il cui corpo venne ritrovato il successivo 13 settembre sotto un cumulo di pietre nelle campagne di Castrignano del Capo (Lecce).

L’uomo nega ogni accusa. Nelle scorse settimane l’ex fidanzato di Noemi, Lucio, all’epoca dei fatti 17enne e attualmente rinchiuso nell’istituto per minorenni di Quartuccio (Cagliari) perché reo confesso del delitto, aveva inviato una lettera agli inquirenti ritrattando la confessione e scrivendo che ad uccidere Noemi era stato Nicolì.

Davanti ai due pm inquirenti, Donatina Buffelli della Procura Ordinaria e Anna Carbonara per quella Minorile, Nicolì, assistito dal proprio legale difensore avvocato Luca Puce, durante le tre ore di interrogatorio, ha negato quanto sostenuto nella lettera scritta da Lucio nell’istituto penitenziario di Quartuccio. “Sono sereno, anzi serenissimo. ? ha detto il meccanico salentino ai giornalisti che lo attendevano fuori dal Tribunale – Ho ricostruito ai magistrati tutto, dove e come ho conosciuto Noemi e Lucio, dove ci vedevamo di solito (in un bar nel centro storico di Tricase), spiegando anche le numerose telefonate intercorse in un anno, circa un centinaio”.

A Nicolì è stato anche chiesto dove si trovasse la notte tra il 3 e il 4 settembre scorsi quando Noemi Durini uscì di casa senza farvi più ritorno. “Ho spiegato come, anche se era estate, – ha detto – mi trovassi a casa da prima di mezzanotte perché non sono un tipo a cui piace fare vita notturna”.

Fausto Nicolì, in seguito ai contenuti della lettera di Lucio, è indagato per omicidio volontario, pornografia minorile (perché Lucio asserisce che il meccanico era in possesso di un video nel quale si vede Noemi che fa sesso con un’altra persona) e sfruttamento della prostituzione (secondo quanto dichiarato da Lucio l’uomo avrebbe favorito rapporti tra altre persone e minorenni). Accuse che il meccanico respinge, asserendo che “la verità verrà fuori” e di essere “vittima di un piano preciso” riconducile ad una persona che lui chiama ‘burattinaio’ ma che altri non è che “il padre di Lucio, Biagio”.

“Io la mia posizione l?ho chiarita. ? dice – Voglio vedere lui. Sono stato tirato in ballo senza un motivo solo perché ero la persona più comoda: conoscevo i ragazzi, qualche piccolo precedente, una caratterino un po? così, insomma gli faceva comodo per il suo piano”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other