Nola-Villa Literno: il vento abbatte tabellone stradale sulla statale 7Bis

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 settembre 2018 10:31 | Ultimo aggiornamento: 25 settembre 2018 10:31
Nola-Villa Literno: il vento abbatte tabellone stradale sulla statale 7Bis

Nola-Villa Literno: il vento abbatte tabellone stradale sulla statale 7Bis

ROMA – Tragedia sfiorata sull’asse di supporto della statale 7bis Nola-Villa Literno, nel Napoletano: a causa del forte vento un cartello stradale è caduto sulla carreggiata; nessuna automobile, secondo quanto confermato dalla Polizia stradale, è stata colpita. Il crollo si è verificato all’altezza di Caivano (Napoli) in direzione Villa Literno. I vigili del fuoco sono sul posto per liberare la carreggiata; al momento sull’asse si sono create delle code.

Le intense raffiche ieri hanno già creato non pochi problemi ai trasporti: stamani per oltre due ore è rimasta paralizzata la linea ferroviaria Milano-Lecco-Sondrio, a Napoli pochissimi traghetti hanno assicurato i collegamenti nel Golfo, all’aeroporto di Pescara un volo è stato cancellato ed un altro dirottato su Ciampino. Una tromba d’aria si è invece verificata tra Pesaro e Fano, pioggia e vento forte in provincia di Ancona, a San Benedetto del Tronto e nel Maceratese decine gli alberi caduti.

Il Dipartimento di Protezione Civile ha emesso un nuovo allerta meteo dalla serata di oggi, lunedì 24 settembre, proprio il persistere di venti da forti a burrasca, con raffiche fino a burrasca forte, dai quadranti nord-orientali, su Toscana, Umbria, Lazio, Abruzzo e Molise, in estensione a Campania, Basilicata, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna. Possibili mareggiate sulle coste esposte. Praticamente è interessata quasi tutta l’Italia. In Trentino Alto Adige c’è stato un abbassamento della temperatura ed anche qui forte vento: a valle sono state registrate raffiche fino a 70 km/h, mentre in montagna anche fino a 110 km/h.

Sempre per colpa del vento è rimasta paralizzata per due ore la linea ferroviaria Milano-Lecco-Sondrio poichè sono caduti alcuni alberi sulla massicciata e sulla linea elettrica. I ritardi dei treni sono stati tra i 15 e i 60 minuti. La circolazione ferroviaria è stata sospesa anche nella tratta fra Colico e Chiavenna (Sondrio). A Napoli per un forte vento di scirocco e un mare molto mosso sono stati pochi i traghetti che hanno assicurano i collegamenti tra Napoli e le località del golfo, resi ancora più difficili per lo sciopero da parte delle compagnie di navigazione.

Nel pomeriggio il forte vento si è abbattuto anche sull’Abruzzo e nella zona dell’aeroporto di Pescara, il volo Ryanair proveniente da Varsavia, con arrivo previsto alle 14.20, è stato dirottato sull’aeroporto di Ciampino, mentre quello diretto nella capitale polacca è stato cancellato dal vettore. Il velivolo arrivato dalla Polonia ha tentato l’atterraggio nel capoluogo adriatico, ma, viste le condizioni meteorologiche, si è optato per il dirottamento nella Capitale.

Anche a Bologna ci sono state conseguenze per il vento: finestre rotte, alberi caduti e un semaforo danneggiato dalle raffiche. Improvviso peggioramento del tempo, con brevi ma intensi fenomeni soprattutto sul litorale, anche nelle Marche, dove c’è stata una tromba d’aria tra Pesaro e Fano con alberi, pali e pezzi di cornicione caduti in molte zone della Regione.