Notti magiche alla Rai, ispezione sui turni finti

Pubblicato il 4 Marzo 2013 11:14 | Ultimo aggiornamento: 4 Marzo 2013 11:15

ROMA – Pagamenti per turni notturni, per giornate festive o per orari straordinari mai veramente svolti. Sono le “notti magiche” alla Rai, in particolar modo al Tg1. A denunciare le presunte irregolarità su turni e stipendi sono due lettere senza firma che hanno raggiunto il presidente Rai Anna Maria Tarantola e il direttore generale Luigi Gubitosi. Una terza è stata spedita alla Procura della Repubblica di Roma sotto forma di esposto ma con un testo uguale alle due lettere ricevute dalla Rai. E l’azienda ha avviato un’ispezione interna.

Nelle lettere si parla di ipotetiche irregolarità sulla concessione delle indennità notturne, festive e di orario straordinario a un gruppo di redattori da parte di non meglio identificati vertici del Tg1, con ogni probabilità capi redattori o vicedirettori.

A quando risalgono i presunti turni pagati ma mai svolti? Scrive Paolo conti per il Corriere della Sera:

Tutto si sarebbe svolto sotto la direzione pro tempore di Alberto Maccari (che a suo tempo inviò lettere di richiamo allo scrupoloso rispetto delle regole in materia di notturni e festivi) e in parte sotto la direzione di Augusto Minzolini. L’attuale direttore, Mario Orfeo, è stato avvisato dai vertici Rai dell’indagine interna e ha rinforzato i controlli. Fonti ufficiali Rai hanno smentito che, in questa vicenda, ci sia un capitolo legato anche alle note spese. In base alle due lettere, i vertici di viale Mazzini hanno deciso un audit interno, cioè un’ispezione aziendale affidata alla struttura diretta da Marco Zuppi.

L’indagine, stando sempre a ricostruzioni informali che circolano a viale Mazzini, avrebbe registrato decine di irregolarità. Comunque non di grandi dimensioni né su cifre colossali. Ma la Procura non ha ricevuto nulla dalla Rai: almeno per ora, e finché non ci saranno richieste da parte della magistratura, viale Mazzini limiterà la questione all’ambito aziendale.

Secondo gli accordi, i giornalisti Rai non hanno cartellini né firme di ingresso: qualsiasi variazione di orario (notturno, festivo, straordinario) viene registrato su un foglio a parte rispetto a quello delle normali presenze, e controfirmato da un responsabile di turno. Secondo il “corvo” molte presenze notturne, festive o straordinarie sarebbero state fittizie o addirittura false. Impossibile conoscere i nomi dei giornalisti coinvolti: la Rai ritiene ancora aperto l’iter dell’audit interno e giudica assolutamente prematuro immaginare qualsiasi provvedimento disciplinare.

Della vicenda ora si sta occupando il procuratore capo di Roma, Luigi Pignatone, che ha affidato il caso al procuratore aggiunto Francesco Caporale, da cui dipende il pool dei reati contro la pubblica amministrazione: la Rai è un’azienda pubblica, anche se di diritto privato. Qualsiasi ipotetica malversazione si tradurrebbe, appunto, in un reato contro l’amministrazione pubblica. Dalla Rai, per ora, è partito un esposto verso Palazzo di Giustizia, come assicurano fonti ufficiali della tv pubblica. Nessun passaggio di fascicoli, invece, tra viale Mazzini e piazzale Clodio.