Cronaca Italia

Novara, secondino si uccide nel parcheggio del carcere con un colpo di pistola

Novara, secondino si uccide nel parcheggio del carcere con un colpo di pistola

Foto Lapresse

ROMA – Novara, un secondino si è ucciso nel parcheggio del carcere. Il sovrintendente della polizia penitenziaria, di 40 anni, si è ucciso sparandosi un colpo alla testa. L’agente aveva da poco terminato del turno di lavoro.

Le cause del gesto sono ancora ignote, e sono in corso accertamenti. L’uomo conviveva con un’operatrice parasanitaria che lavora nello stesso carcere di Novara. Era il responsabile dell’ufficio censure dell’istituto.

Viene descritto come una persona molto seria e stimata nell’ambito della magistratura e delle forze di polizia, ed era considerato un punto di riferimento per la Procura e per le varie articolazioni di polizia giudiziaria.

To Top