Novara, secondino si uccide nel parcheggio del carcere con un colpo di pistola

di Redazione Blitz
Pubblicato il 19 febbraio 2014 21:14 | Ultimo aggiornamento: 19 febbraio 2014 21:14
Novara, secondino si uccide nel parcheggio del carcere con un colpo di pistola

Foto Lapresse

ROMA – Novara, un secondino si è ucciso nel parcheggio del carcere. Il sovrintendente della polizia penitenziaria, di 40 anni, si è ucciso sparandosi un colpo alla testa. L’agente aveva da poco terminato del turno di lavoro.

Le cause del gesto sono ancora ignote, e sono in corso accertamenti. L’uomo conviveva con un’operatrice parasanitaria che lavora nello stesso carcere di Novara. Era il responsabile dell’ufficio censure dell’istituto.

Viene descritto come una persona molto seria e stimata nell’ambito della magistratura e delle forze di polizia, ed era considerato un punto di riferimento per la Procura e per le varie articolazioni di polizia giudiziaria.