Nuoro, Giacomo Paderi ucciso in campagna: è giallo

di redazione Blitz
Pubblicato il 12 febbraio 2014 14:47 | Ultimo aggiornamento: 12 febbraio 2014 14:48

carabinieriNUORO – Sono ripresi all’alba i sopralluoghi nelle campagne di Gardalis dove martedì pomeriggio è stato ucciso l’agricoltore di Loceri Giacomo Paderi, di 53 anni. Le indagini dei carabinieri del Comando provinciale di Nuoro proseguono a ritmo serrato. Decine gli interrogatori assieme alle perquisizioni in abitazioni di pertinenza della vittima, che aveva precedenti penali ed era uscito dal carcere un anno e mezzo fa. L’autopsia dovrebbe esser eseguita mercoledì nell’ospedale di Lanusei dal medico legale, Roberto Marcialis, e potrebbe fornire utili elementi sull’arma che ha esploso il colpo mortale.

Gli inquirenti cercano di ricostruire il quadro dell’omicidio avvenuto alle 15:30 quando Paderi si trovava in campagna con altri due amici: Pietro Loi, di Loceri, e l’agricoltore di Urzulei Adriano Lorrai, che sono scampati all’agguato ed hanno raccontato quanto accaduto. Gli inquirenti tendono ad escludere che ci siano legami fra l’omicidio e l’escalation di violenza di questi ultimi giorni nel paese: prima gli spari contro un bar poi la rapina fallita alla direttrice dell’ufficio postale. Mentre si indaga anche sui precedenti della vittima: era stato condannato nel settembre 2003 a 13 anni di reclusione, ritenuto la mente del sequestro-lampo compiuto sempre a Loceri, il 4 ottobre del 2002, ai danni della direttrice delle Poste del paese. I funerali della vittima potrebbero essere celebrati giovedì.