Nuoro, lo scherzo del finto funzionario Inps all’anziana di 107 anni: “Multa se non muore”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 Maggio 2019 20:44 | Ultimo aggiornamento: 10 Maggio 2019 20:44
nuoro inps anziana

Nuoro, lo scherzo del finto funzionario Inps all’anziana di 107 anni: “Multa se non muore”

NUORO – Un finto funzionario dell’Inps di Cosenza ha giocato un terribile scherzo telefonico a Tzia Innassia, l’anziana di 107 anni salita alla ribalta della cronaca nazionale dopo aver ritirato alle poste di Dorgali (Nuoro), il suo paese, la card del reddito di cittadinanza. E’ il quotidiano La Nuova Sardegna ha raccontare la disavventura dell’anziana signora, dopo aver riferito degli 86 euro al mese ricevuti con la card per la pensione di cittadinanza per arrotondare la sua, 625 euro al mese. “Meglio questo che niente”, aveva commentato in sardo l’ultracentenaria, ringraziando il ministro Luigi Di Maio, che l’aveva poi citata in un post su Fb, mandandole un abbraccio virtuale.

Il giorno in cui la notizia è stata pubblicata, a casa di Tzia è arrivata una crudele telefonata, alla quale in un primo momento ha risposto l’anziana che, non sentendo bene, ha passato la cornetta alla sua assistente. Un uomo, senza accento sardo, ha dichiarato di essere un funzionario dell’Inps. “Quando la vecchia andrà a prendere la pensione di cittadinanza non le daranno 86 euro, ma 82,50 o 83 euro”, ha detto l’autore della telefonata, che potrà essere identificato solo se sarà sporta una denuncia necessaria a far scattare le indagini della Polizia postale. “Le verranno decurtati due euro perché ha questa età e potrà ritirare la stessa somma per altri due anni, ma poi se non muore, o la dovete abbattere voi o dovrà subire un processo e pagare una penale di 4.650 euro”. (fonte AGI)