Nuova patente già in tilt: medici muti al Ministero

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 gennaio 2014 17:17 | Ultimo aggiornamento: 10 gennaio 2014 17:31

patenteROMA – La nuova patente è già in tilt. Il portale che serve sia a automobilisti che medici per comunicare a vicenda e con la motorizzazione civile è andato subito fuori servizio. In questo senso i medici risultano quindi “muti”, per i cittadini e per la Motorizzazione.

“Servizio non disponibile”. Quando il 9 gennaio è partita la “rivoluzione” delle nuove patenti elettroniche per rinnovare quelle scadute, molti utenti si sono ritrovati questo messaggio sul sito che avrebbe dovuto semplificare le procedure. L’esordio non è stato dei migliori, ma anzi c’è stato un gran caos tra ASL, medici, istituzioni di vario genere e Governo.

Il sito è quello che gli automobilisti possono consultare per trovare il medico giusto per fare tutte le analisi necessarie per il rinnovo del documento. E sempre da questo sito dovranno passare i medici per comunicare le informazioni alla Motorizzazione civile. Solo nel 2014 sono 5 milioni le persone che dovranno rifare la patente.

Il fatto, spiega Repubblica, è che solo il 9 gennaio, ovvero al varo dell’iniziativa, è stato consegnato agli addetti ai lavori il manuale della rivoluzione. Insomma, pochissimo tempo per adeguarsi alle novità.

 “Si prepara un casino simile a quello con l’INPS per gli invalidi civili, perché non prevedono la cooperazione applicativa con i programmi già in essere nelle ASL”, confida un medico ASL al sito Tom’s Hardware.