Nuove Br, Cassazione conferma pene ridotte: “Non avevano finalità terroristiche”

Pubblicato il 11 settembre 2012 19:40 | Ultimo aggiornamento: 11 settembre 2012 19:51

brigate rosseROMA – Pene ridotte per le Nuove Brigate Rosse: la corte di Cassazione ha confermato la sentenza della Corte d’assise d’appello di Milano del 28 maggio scorso a carico di 11 persone. La motivazione? I neobrigatisti, accusati di avere in preparazione un attentato al giuslavorista e parlamentare Pietro Ichino, facevano parte, secondo la Cassazione, di “un’associazione sovversiva ma senza finalità di terrorismo”.

La Suprema corte ha così dichiarato inammissibile sia i ricorsi presentati dagli imputati, sia quello della Procura generale di Milano, che chiedeva pene più alte e il riconoscimento della finalità di terrorismo.

Le pene con lo ‘sconto’ ammontano a 11 anni di reclusione per Bortolato, due anni e due mesi per Caprio, 9 anni per Davanzo, cinque anni e tre mesi per Gaeta, otto anni per Ghirardi, undici anni e sei mesi per Latino, due anni e due mesi per Mazzamauro, due anni e due mesi per Rotondi, due anni e quattro mesi per Scantamburlo, dieci anni per Sisi, assolto invece Scivoli, sette anni per Toschi.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other