Olgiate, lui morto lei grave: ipotesi festino droghe-farmaci

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 Settembre 2015 22:09 | Ultimo aggiornamento: 21 Settembre 2015 22:09
Olgiate, lui morto lei grave: ipotesi festino droghe-farmaci

Olgiate, lui morto lei grave: ipotesi festino droghe-farmaci

COMO – Lui morto, lei grave. Li hanno trovati così, domenica pomeriggio, in una roggia di Olgiate Comasco. Lui, Giovanni Tedesco, 35 anni, originario di Dongo, era morto da ore. Probabilmente per un mix letale di droghe e farmaci. Lei, 32 anni, diverse contusioni e un trauma facciale, è ricoverata in rianimazione e non ancora in grado di rispondere agli inquirenti.

Il sospetto dei carabinieri, dopo le prime indagini è che i due potrebbero avere assunto sostanze stupefacenti durante un festino svoltosi nel bosco nella notte tra venerdì e sabato assieme ad altre persone, dato che non sono arrivati in zona in macchina e nel bosco c’erano anche capi di abbigliamento che potrebbero non appartenere alla coppia.

Accanto ai corpi, sono stati trovati dell’eroina, farmaci e siringhe. I due sono stati scoperti da un cacciatore di passaggio: l’uomo, 36 anni residente a Dongo, era a terra con il volto rivolto verso l’alto e le braccia allargate. La donna, 32 anni di Brenna, si lamentava ed è stata trovata ad alcuni metri di distanza nel greto di un torrente, con ferite al volto e alla testa.