Olivia Taylor Luccardi, attrice Netflix violentata a Roma: siriano a processo

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 aprile 2018 17:32 | Ultimo aggiornamento: 28 aprile 2018 17:32
Olivia Taylor Luccardi, attrice Netflix violentata a Roma: siriano a processo

Olivia Taylor Luccardi, attrice Netflix violentata a Roma: siriano a processo

ROMA – Olivia Taylor Luccardi, attrice americana star di serie Netflix e Sky di successo, è stata violentata da un tassista abusivo di origine siriana. L’attrice è stata violentata durante quella che doveva essere una vacanza a Roma, ma che si è trasformata in un incubo per la 29enne di origini italiane.

Il tassista abusivo 47enne è stato accusato dal pubblico ministero Silvia Santucci del reato di violenza sessuale ed è stato rinviato a giudizio: il processo comincerà ad ottobre. La violenza si è consumata lo scorso 28 dicembre, al termine di una serata passata da Olivia Taylor Lucchetti con le amiche nel quartiere Testaccio.

Come riporta Leggo, il siriano si è offerto di riaccompagnare a casa la comitiva, ma quando l’attrice è rimasta sola con lui è scattata la violenza: “Un bacio sulla guancia, poi uno sulla bocca che mi hanno terrorizzata”. La giovane donna è riuscita a divincolarsi e scappare prima che fosse troppo tardi.

“Il rinvio a giudizio è cosa buona è giusta”, ha detto lo zio di Olivia, specificando che “la richiesta di risarcimento è un qualcosa di puramente simbolico, l’auspicio è che nulla del genere possa accadere ad altre donne da parte di questo individuo”. E chiude con una chiosa amara: “Mi chiedo cosa sarebbe successo ad un occidentale che avesse fatto la stessa cosa ad una donna siriana”.