Uccise suora, ora testimone di nozze. Paese in rivolta: killer sì divorziati no?

Pubblicato il 11 agosto 2012 11:20 | Ultimo aggiornamento: 11 agosto 2012 11:22

testimoni nozzeMESE (SONDRIO) – Scoppia la polemica a Mse (Sondrio): il paese si scaglia contro il parroco che ha permesso a una ex baby killer di fare da testimone al matrimonio della sorella.

La ragazza in questione è Milena, che il 6 giugno del 2000 fu una delle tre baby killer che uccisero con 19 coltellate suor Maria Laura Mainetti, a Chiavenna (Sondrio). Ora, che non è più una ragazzina, ha fatto da testimone alla sorella che si è sposata nella chiesa di Mese (Sondrio). E il paese è venuto letteralmente giù, con una valanga di critiche nei confronti del parroco.

“Non è possibile lasciare salire all’altare un’assassina, quando invece si impedisce ai separati e divorziati di fare la comunione”, accusano alcuni residenti. “A me – aggiunge Ezio Battista – è stato proibito di fare il padrino al battesimo di mio nipote”.

“Il ruolo del testimone di nozze è ben diverso da quello di padrino – replica il parroco, don Casimiro Digoncelli – Quest’ultimo, infatti, comporta un concorso nell’educazione cristiana che i genitori devono impartire al battezzato. Nel caso di Milena, oggi 29 anni, va poi ricordato che ha scontato del tutto il suo debito con la giustizia e continua tuttora un percorso di crescita all’interno di una Comunità di don Antonio Mazzi”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other