Uccise il figlio della compagna: chiesto l’ergastolo per Rasero

Pubblicato il 20 Dicembre 2010 14:51 | Ultimo aggiornamento: 20 Dicembre 2010 14:58

Il pubblico ministero Marco Airoldi ha chiesto la condanna all’ergastolo, al termine della requisitoria nel processo in corte d’assise, per Giovanni Antonio Rasero, accusato di avere seviziato e ucciso il piccolo Ale, il bimbo di otto mesi figlio della sua compagna occasionale Katerina Mathas.

Il bambino morì la notte tra il 15 ed il 16 marzo in un residence di Nervi nel quale la coppia alloggiava. Per il pm Airoldi non sussistono le attenuanti generiche per Giovanni Antonio Rasero.

”Non sussistono – ha detto il pm – per la gravità del fatto. Quella notte è stato ucciso un bimbo piccolo che non poteva reagire né scappare, non poteva parlare. Poteva solo piangere. E poi per il suo comportamento processuale. Rasero ha cercato di confondere. Non si è pentito, non ha nemmeno preso coscienza di quello che ha fatto”.

L’udienza proseguirà con l’arringa di una delle parti civili.