Raffaele Sollecito: “Andrò a Seattle da Amanda”

Pubblicato il 26 ottobre 2011 10:32 | Ultimo aggiornamento: 26 ottobre 2011 12:53

Raffaele Sollecito

ROMA, 25 OTT – ”Certo che andrò a trovare Amanda a Seattle. E’ stata lei a invitarmi. Io ho accettato con gioia. E non è detto che aspetti Natale. Potrei farlo anche prima. In qualunque momento. Ho voglia di rivederla, di parlare, di guardarla negli occhi”. Parola di Raffaele Sollecito, di cui il settimanale Oggi pubblica alcune confidenze. Peccato però che il ragazzo abbia in seguito smentito di aver rilasciato un’intervista.

Il giovane pugliese assolto in secondo grado dall’accusa di avere ucciso, insieme con la fidanzatina americana, Meredith Kercher, aggiunge: ”Ci telefoniamo o ci scriviamo tutti i giorni, abbiamo bisogno l’uno dell’altra sia per tentare di capire cosa è successo sia per guardare avanti, verso un futuro che sembrava spezzato per sempre e che invece possiamo ancora costruire. Abbiamo tante cose da dirci, dopo aver passato quattro anni in un girone infernale che ci ha stritolato, ci ha procurato sofferenze indicibili, ci ha rovinato la vita”.

Ma su questa intervista c’è un vero giallo. Sollecito smentisce categoricamente di aver parlato con i giornalisti: “Non ho parlato con alcun giornale e non ho rilasciato interviste. Tutto ciò che leggo sono invenzioni”. E sui rapporti con Amanda Knox sostiene: ”anche su questo non è vero quanto finito sui giornali”. La famiglia del giovane ribadisce quindi che Sollecito ”non ha mai rilasciato alcuna intervista”. ”Sono tutte fantasie – aggiunge – e non ha mai detto niente”. Riguardo alla possibilità di una visita della famiglia a Seattle dove vive la Knox, i congiunti di Raffaele spiegano come sia ”noto da tempo l’invito che ci è stato rivolto. Andremo – concludono i familiari di Sollecito – quando lo riterremo opportuno”.