Olbia, uccise lo skipper Paolo Oggiano: l’ottantacinquenne Vargiu condannato a 22 anni

Pubblicato il 26 Novembre 2010 21:02 | Ultimo aggiornamento: 26 Novembre 2010 21:06

I giudici della Corte d’Assise di Sassari hanno condannato a 22 anni di reclusione Martino Vargiu, un agricoltore di 85 anni, invalido, riconosciuto responsabile dell’omicidio dello skipper Paolo Oggiano, di 40, suo vicino di podere. Il delitto era stato compiuto nel luglio del 2008.

Le indagini dei carabinieri avevano individuato nell’anziano agricoltore il principale indiziato a causa di vecchi rancori legati a questioni di confine tra le due proprietà. Secondo gli inquirenti, Vargiu, nonostante le sue precarie condizioni fisiche, aveva pianificato il delitto e aveva sparato tre colpi di fucile sul rivale che tornava a casa. Poche ore dopo essere stato fermato dai carabinieri, Vargiu aveva confessato l’omicidio.

L’accusa aveva sollecitato la condanna all’ergastolo. La sentenza è stata letta in serata, dopo una lunga camera di consiglio. L’imputato non era in aula a causa delle sue condizioni di salute che gli avevano impedito di seguire la maggior parte delle udienze.