Omicidio sul Ticino: ucciso Sebastian Zbiniew, polacco di 36 anni

Pubblicato il 19 Gennaio 2012 11:48 | Ultimo aggiornamento: 19 Gennaio 2012 12:15

PAVIA – E’ un polacco di 36 anni la vittima dell’omicidio commesso a Pavia, sulle rive del Ticino. Il suo nome era Sebastian Zbiniew. Viveva in Italia da circa dieci anni: era uno dei tanti ‘senza tetto’ che di notte si sistemano sotto i ponti per cercare un riparo e dormire. E proprio sotto il ponte della Liberta’, a poche centinaia di metri dal centro storico di Pavia, Sebastian e’ stato massacrato di botte e ucciso, presumibilmente nella notte tra martedi’ e mercoledi’.

Il suo cadavere e’ stato ritrovato ieri mattina da un residente del rione Ticinello, che era in giro con il cane sulle rive del fiume. Il volto di Sebastian Zbiniew era irriconoscibile: l’assassino l’ha sfigurato, colpendolo ripetutamente con un bastone o una pietra. Tuttavia e’ stato possibile risalire all’identità della vittima grazie ad un tatuaggio tra la spalla e il collo. Il corpo del polacco e’ stato trasportato all’istituto di Medicina legale dell’Universita’ di Pavia, dove oggi verra’ effettuata l’autopsia.

La polizia ha avviato le indagini per cercare l’assassino. Le ricerche vengono condotte nel mondo dei ”senza fissa dimora”. A commettere il delitto potrebbe essere stato un uomo proveniente da un altro Paese dell’Est europeo: un altro ”clochard” che ogni tanto si notava a Pavia, ma che e’ scomparso da due giorni. L’omicidio potrebbe essere stato commesso per futili motivi: dopo un litigio, forse per soldi, sarebbe seguita l’aggressione risultata fatale al polacco.

Sebastian Zbiniew, pur essendo un uomo solitario, frequentava il centro diurno della Casa del Giovane di Pavia: e’ una struttura che accoglie i disagiati. E proprio per ricordare Sebastian, e riportare l’attenzione sul problema dei poveri che non hanno un tetto sotto il quale dormire (il cui numero e’ in continuo aumento), sabato sera alle 21 si terra’ una fiaccolata organizzata dalla Caritas e dalla Casa del Giovane.

Un uomo di nazionalita’ croata e’ stato bloccato dalla Polizia ferroviaria di Cervignano del Friuli (Udine) con i vestiti ancora macchiati di sangue. Secondo quanto e’ stato possibile apprendere potrebbe trattarsi dell’assassino del polacco Sebastian Zbiniew ucciso ieri a Pavia, sulle rive del Ticino.    L’uomo, si e’ appreso, stava cercando di raggiungere in treno la Slovenia e, quindi la Croazia. Uomini della squadra Mobile di Pavia sono da questa mattina a Udine per riscontri.