Operaio su Fb: “Un terrone in meno”, per morte di un siciliano. Condannato

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 febbraio 2018 16:02 | Ultimo aggiornamento: 25 febbraio 2018 16:16
Operaio su Fb: "Un terrone in meno", per morte di un siciliano. Condannato

Operaio su Fb: “Un terrone in meno”, per morte di un siciliano. Condannato

TORINO – Ha commentato la morte di un siciliano su Facebook con la frase “Un terrone in meno”. Per questo motivo un operaio torinese, che aveva utilizzato un profilo falso per il commento razzista, è stato condannato a pagare una sanzione da mille euro.

Erica Di Blasi su Repubblica scrive che l’uomo, 42 anni, aveva utilizzato un falso profilo Facebook per commentare la morte di Stefano Pulvirenti, il ragazzo di 17 anni morto a Siracusa per un incidente dopo 23 giorni di agonia nel 2015. “Sono felicissimo, un terrone in meno da mantenere”, questa la terribile frase che gli è costata la condanna per diffamazione aggravata da odio razziale:

“Il gesto è costato mille euro all’autore del post razzista: è la condanna che ha patteggiato, oltre alle spese processuali. “Quando vedo queste immagini – aveva ancora scritto l’operaio di Settimo Torinese – e so che nella bara c’è un terrone ignorante, godo tantissimo. Peccato che ero al Nord altrimenti avrei c… su quella bara bianca”. L’episodio era venuto alla luce dopo la denuncia di alcuni amici della vittima.

La procura aveva così incaricato i carabinieri del nucleo investigativo telematico di scoprire chi si nascondesse dietro al profilo Facebook. La svolta arrivò all’inizio del 2016, con l’identificazione dell’uomo. L’operaio venne poi rinviato a giudizio per diffamazione aggravata da odio razziale. Dopo la condanna, il procedimento passerà ora in sede civile per la richiesta di risarcimento”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other