Orio al Serio, allarme bomba all’aeroporto: “Allah Akbar, ora esplode”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 febbraio 2015 14:32 | Ultimo aggiornamento: 16 febbraio 2015 14:34
Orio al Serio, allarme bomba all'aeroporto: "Allah Akbar, ora esplode"

Orio al Serio, allarme bomba all’aeroporto: “Allah Akbar, ora esplode”

MILANO – “Allah Akbar, c’è una bomba all’aeroporto di Orio al Serio. Esploderà alle 10″. Questa la telefonata arrivata la mattina del 16 febbraio alle autorità dell’aeroporto vicino Milano. Sono le 7,30 quando l’allarme bomba scatta a Orio al Serio e immediatamente gli agenti hanno avviato tutti i protocolli di sicurezza interna allo scalo. Una telefonata che però si è rivelata un falso allarme da parte di un anonimo e su cui ora indaga la Procura.

Tutto inizia quando una telefonata anonima allo scalo aeroportuale informa della presenza di una bomba inneggiando ad Allah: “Allah Akbar, Allah Akbar, alle 10 scoppierà una bomba”, scrive il Corriere della Sera:

“Immediatamente la polizia di stanza all’aeroporto ha fatto scattare tutti i protocolli di sicurezza interni allo scalo, senza però essere costretta ad annullare i voli in partenza e in arrivo. Lo scalo è stato passato al setaccio e controllato in lungo e in largo, per più di tre ore. Solo alle 11 la situazione è rientrata nella norma.

Di prima mattina anche il presidente del Copasir, Giacomo Stucchi, doveva raggiungere lo scalo e prendere un volo per Roma. Gli è stato consigliato di non andare in aeroporto e di attendere che terminassero tutte le operazioni di sicurezza. Il pubblico ministero di turno, Gianluigi Dettori, ha aperto un fascicolo sul caso, chiedendo anche l’acquisizione dei tabulati telefonici dello scalo”.