Ossa Nunziatura, medico legale: “Non troppo degradate, almeno 7 giorni per il Dna”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 novembre 2018 15:30 | Ultimo aggiornamento: 5 novembre 2018 16:01
Ossa Nunziatura, primo esame del medico legale sui resti

Ossa Nunziatura, medico legale: “Non troppo degradate, almeno 7 giorni per il Dna” (Foto Ansa)

ROMA – Le analisi sulle ossa ritrovate nella Nunziatura Vaticana inizieranno a breve, e i resti “non sembrano troppo degradati”. Lo afferma Gianni Arcudi, direttore della Medicina legale dell’Università di Roma Tor Vergata, il perito nominato dal Vaticano, spiegando che ci vorranno almeno 7 giorni per il Dna. Intanto le famiglie di Emanuela Orlandi e Mirella Gregori si chiedono se tra quei resti ci sia una delle loro care scomparse da anni.

“Inizieremo nel pomeriggio le analisi, i reperti non sono ancora stati aperti – afferma Arcudi -. Ad un primo esame non sembrano troppo degradati, anche se sono stati interrati in un terreno umido, ma lo sapremo con certezza solo dopo aver pulito le ossa”.

Sui tempo per le analisi non ci sono certezze, spiega l’esperto. “Ora dobbiamo pulire, catalogare e ricomporre le ossa – spiega -, poi si vedrà se è possibile estrarne il Dna. In questo caso serviranno 7-10 giorni per un risultato, e nel frattempo, a seconda dello stato di conservazione, potremo fare delle ipotesi su quando sono state interrate, età, sesso e altezza della vittima”. 

Piero Orlandi, il fratello di Emanuela Orlandi, ha commentato: “Gli esami sulle ossa sono iniziati oggi, ce lo ha detto poco fa il procuratore. È presto per avere certezza sul Dna, occorrono almeno otto-dieci giorni. Vogliamo capire chi per primo ha associato questa vicenda a quella di mia sorella. Anche su questo attendiamo risposte dagli inquirenti”.