Ostia, arrivano le ruspe: al via la demolizione dello stabilimento Med VIDEO

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 Dicembre 2018 10:54 | Ultimo aggiornamento: 11 Dicembre 2018 10:54
ostia ruspe med

Ostia, arrivano le ruspe: al via la demolizione dello stabilimento Med

ROMA – Prima i sigilli, nel 2015, ed ora la demolizione. Ostia dice addio allo stabilimento Med, il piccolo lido, al lato del Canale dei Pescatori.

Dopo aver perso il ricorso al Tar del Lazio, il X Municipio aveva firmato la demolizione sancita per “interventi abusivi realizzati sul Demanio Marittimo dello Stato, nell’ambito della Concessione Demaniale marittima rilasciata”. Un intervento, quello di oggi, annunciato anche dalla sindaca Virginia Raggi: “Siamo ad Ostia per l’abbattimento del primo stabilimento abusivo. La ruspa è in azione. Abbiamo già avviato la l’attività per l’abbattimento dei chioschi abusivi e oggi arriva a conclusione l’iter iniziato due anni e mezzo fa. È un momento storico, iniziamo l’abbattimento del ‘lungomuro’. I cittadini potranno tornare a vedere il mare, a scendere in spiaggia”. 

“Recuperiamo 3.000 metri quadrati di spiaggia libera, abbattiamo 450 mq di manufatti e 1.500 mq di pedana tutti abusivi. Come abbiamo promesso stiamo ripristinando la legalità e cambiando il volto dei 18 chilometri di litorale romano. Siamo a un punto di svolta. Per due anni abbiamo costruito e seminato tanto, adesso si iniziano a vedere i primi germogli che sbocciano”, ha poi aggiunto la Sindaca arrivata in mattinata sul litorale romano. 

Non solo il Med, però, nel mirino delle ruspe del mare anche i chioschi de La Spiaggetta, Happy Surf e Faber Beach, simbolo per anni della movida di Ostia ed in mano a prestanome del clan Fasciani, che verrano demoliti a gennaio secondo quanto dichiarato da Giuliana Di Pillo. Mese in cui il Comune avvierà anche un tavolo con la Regione per il problema dell’erosione costiera.

I prossimi passi dell’amministrazione a 5 Stelle, quindi, saranno quelli di esaminare tutte le concessioni e, eventualmente, procedere con ulteriori demolizioni di stabilimenti balneari.