Padova, carabiniere ospitava turiste poi le drogava e le violentava

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 febbraio 2015 14:11 | Ultimo aggiornamento: 6 febbraio 2015 14:11
L'articolo dell'Espresso

L’articolo dell’Espresso

PADOVA – “Dino Maglio. Di giorno carabiniere, di notte stupratore” è titolo di un’inchiesta dell’Espresso su un carabiniere di Padova, Dino Maglio, arrestato un anno fa dopo la denuncia di una sedicenne australiana, che lo ha accusato di averla drogata e poi abusata. Adesso i giornalisti dell’Irpi (Investigative Reporting Project Italy) hanno raccolto le testimonianze di altre 14 vittime, giovani polacche, canadesi, portoghesi, ceche, tedesche, statunitensi e di Hong Kong. Sul sito Coachsurfing il carabiniere aveva messo a disposizione la sua casa per ospitare le turiste straniere.

L’uomo, come riporta L’Espresso, il primo giorno si mostrava gentile, accompagnandole nella visita della città, poi la seconda sera offriva il suo vino “speciale” riducendole in stato di incoscienza e abusando di loro. Maglio ha sostenuto che si trattava di rapporti consensuali, ma nella perquisizione a casa sua sono state trovate 40 pasticche di un potente sonnifero. Una di queste – ha ammesso, sempre scondo quanto scrive l’Espresso – è stata somministrata alla minorenne australiana poi finita nel suo letto.